Blog Aziendale: 3 motivi per cui averlo e 4 consigli per sfruttarlo al meglio | Hi-net Web Agency Rimini

Blog Aziendale: 3 motivi per cui averlo e 4 consigli per sfruttarlo al meglio

blog aziendale tre motivi per averlo 4 consigli per sfruttarlo

Normalmente le aziende non percepiscono l’importanza di avere un sito aggiornato e interessante, dotato di una sezione news o di un blog aziendale.

Creare dei contenuti di valore e di interesse nel proprio sito aziendale è ha una importanza STRATEGICA FONDAMENTALE per il successo di pubblico di un sito web.

Avere un blog o una sezione news aggiornata sul sito però richiede un impegno costante: molto spesso capita però che il blog venga gestito in modo errato, per esempio come uno “spazio” dove inserire le date delle fiere a cui l’azienda è presente oppure novità sul prodotto e/o sul servizio fornito.

 

ATTENZIONE NON E’ COSI’ CHE IL BLOG FUNZIONA AL MEGLIO

 

Questo articolo serve per chiarire e spiegare PERCHE’ è importante avere un blog aziendale: di seguito troverai alcuni suggerimenti per sfruttarlo al meglio in termini di comunicazione e attrazione di nuovi clienti.

Il blog aziendale: 3 motivi per cui averlo e 4 consigli per sfruttarlo al meglio

Spesso le aziende si trovano di fronte a difficoltà commerciali, problemi nella vendita dei propri prodotti e servizi.

Noi stessi viviamo spesso questa esperienza diretta nel presentarci ai nostri clienti: dunque le casistiche sono comuni a tutti gli imprenditori e a tutte le aziende ciascuna nel proprio campo di attività. Vediamo alcuni casi tipici:

  • Difficoltà nel trovare nuovi clienti in “target” (interessati oltre che al prezzo anche alla qualità dell’offerta);
  • Difficoltà nel mantenere “caldo” il rapporto con i propri clienti;
  • Azioni commerciali “uno a uno” (ad esempio telemarketing, appuntamenti presso il cliente…) che richiedono una presenza fisica.

E spesso le soluzioni trovate a questi problemi sono: lavoro più ore, faccio più telefonate, prendo altri commerciali,.

Le soluzioni possono essere diverse, e comunque non è questo il luogo dove trattarle: cerchiamo di ragionare sull’argomento “Blog Aziendale”: questo strumento può essere di GRANDE AIUTO, se utilizzato nel modo migliore ovvero diversamente da come l’hai sfruttato fino a questo momento ( se ne possiedi già uno).

I 3 motivi per avere un blog aziendale

Vediamo insieme i tre motivi che giustificano l’importanza a livello strategico del Blog Aziendale.
Prima però cerchiamo di trovare una buona definizione di blog aziendale.

Quando parliamo di blog aziendale, ci riferiamo ad un contenitore “di contenuti UTILI per i clienti”, dove per contenuti utili NON si intendono offerte commerciali, novità nei prodotti o sull’azienda.

 

 


1) Connessione costante con i clienti acquisiti e potenziali

Due problematiche tipiche dell’attività commerciale di un’azienda sono:

  • Entrare in contatto con il cliente quando NON è pronto ad acquistare il prodotto,
  • Difficoltà a rimanere in contatto con i clienti quando il prodotto/servizio venduto ha un ciclo di riacquisto lungo nel tempo.

Entrare in contatto con il cliente quando NON è pronto:

Un classico canale tradizionale di acquisizione clienti è il telemarketing: le aziende investono tempo e denaro per realizzare centinaia di telefonate a freddo.

Una delle problematiche principali di questa “strategia” è che quando si chiama un’azienda e si chiede “Ti serve il sito prodotto/servizio?”, la risposta nel 95% dei casi è “NO” oppure “Non adesso, mi richiami più avanti”.

In realtà in prospettiva entrambe le risposte nascondono un potenziale cliente, ma probabilmente quello non era il momento giusto, e lo sforzo di richiamare chi rimanda a “più avanti” era notevole, oltre al fatto che nel frattempo, tra una chiamata e l’altra passano mesi e il contatto si dimentica della chiamata precedente e della nostra azienda.

Difficoltà a rimanere in contatto con i clienti acquisiti:

In maniera similare, altro problema tipico è quello di rimanere in contatto con i clienti acquisiti nel caso in cui si venda un prodotto o un servizio che ha un ciclo di vita lungo.

In molti settori,per svariati motivi legati alla tipologia di prodotto o di servizio offerto, il tempo che intercorre tra un acquisto e il successivo può essere notevole.

In alcuni casi passano degli anni ed il rischio è che il rapporto con il cliente si raffredda.

Quindi come è possibile mantenere caldo il contatto per un periodo di tempo così lungo?

 

GRAZIE AL BLOG POTETE INSTAURARE UNA CONNESSIONE DURATURA NEL TEMPO

Mantenere un blog aziendale nel quale periodicamente (almeno una volta al mese) viene aggiunto un articolo che sia di aiuto ai clienti per risolvere un problema, informarli di un’opportunità, o nel quale si da risposta alle domande tipiche del settore, dota l’azienda di uno strumento che permette di mantenere un contatto e risolvere i problemi prima di cui abbiamo appena parlato.

I clienti acquisiti possono diventare tuoi lettori “affezionati” fino al momento in cui avranno nuovamente BISOGNO di acquistare il tuo prodotto o servizio, mentre inserendo in rete articoli di interesse puoi richiamare l’attenzione di un pubblico di potenziali clienti che, intuendo la competenza della tua azienda sugli argomenti di loro interesse, probabilmente si rivolgerà a te per un acquisto o un consiglio.

Insomma questi clienti presto o tardi si trasformeranno in clienti acquisiti.


2) Posizionamento dal punto di vista della SEO e di marketing

Il secondo motivo di importanza strategica di un blog aziendale riguarda il POSIZIONAMENTO inteso sia dal punto di vista SEO che di Marketing del sito internet.

 

 

 

 

Posizionamento SEO

Quantità e qualità dei contenuti presenti in un sito internet sono ormai da anni due elementi di base che Google prende in considerazione per valutare se un sito è autorevole per una determinata chiave di ricerca.

Nella maggior parte dei casi in cui una azienda ci richiede un servizio di posizionamento sui motori di ricerca, ci troviamo sempre ad affrontare questo tipo di situazione:

  • nel sito sono presenti pochi contenuti;
  • la qualità dei testi risulta in alcuni casi scadente.

In questi casi la prima importante parte del lavoro di posizionamento SEO consiste nella scrittura di nuovi testi adeguati in modo da avere, alla fine, un blog aziendale ben aggiornato e curato.

È molto probabile che autonomamente il blog ottenga una discreta visibilità su Google: nel caso in cui si decida di  migliorare ancora il posizionamento ed aumentare la visibilità il “punto di partenza” è sicuramente migliore rispetto ad un sito non aggiornato e con pochi contenuti interessanti.

Questo permette di ottenere migliori risultati a parità di investimento.

Posizionamento di marketing

L’altro posizionamento che si ottiene con un blog aziendale aggiornato e ricco di contenuti è quello inteso più dal punto di vista del marketing e del brand.

Scrivendo articoli utili per il tuo target di clienti, col tempo i lettori che ti seguono sul Blog ti percepiranno come ESPERTO e si rivolgeranno a te e alla tua azienda quando si sentiranno pronti ad acquistare.

Quando i clienti fidelizzati attraverso gli articoli del BLOG si rivolgeranno a t, non potrai deludere la loro fiducia: per questo devi cercare di mantenere le promesse di cui hai sempre parlato, offrendo un prodotto di qualità.


3) Strategia uno a molti

Ultimo motivo di importanza STRATEGICA che deve spingerti ad avere un blog e, nel caso in cui tu ce l’abbia già,  a mantenerlo sempre aggiornato è rappresentato dalla “Strategia uno a molti”.

Mentre nel telemarketing ad una telefonata corrisponde un solo potenziale cliente contattato, sul blog un solo articolo potrebbe essere letto da decine, centinaia o migliaia di potenziali clienti e, ATTENZIONE, sempre con lo stesso sforzo di realizzazione.

Inoltre un articolo nel Blog resta e continua ad attirare curiosi in cerca di risposte su di un argomento.

 

 

I 4 consigli per sfruttare al meglio il BLOG AZIENDALE

Dopo avere elencati i 3 motivi per cui è necessario avere un blog aziendale, aggiungiamo i 4 consigli pratici per sfruttarlo al meglio.

Mi raccomando, ricorda sempre tutti i suggerimenti ed i consigli dati non valgono per tutti: alcuni sono più utili per aziende che hanno un mercato B2B (business to business ovvero attività di commercio tra aziende), altri per il mercato B2C (business to consumer, attività di commercio tra una azienda e un cliente finale).

Ogni azienda deve sempre valutare e solo dopo testare gli strumenti e le strategie che si dimostrano più adatte al loro modello di business.

1) Newsletter

blog e newsletter

Utilizzare un sistema di newsletter abbinato al blog aziendale ne amplifica la capacità di raggiungere sempre più clienti.

Tutti riceviamo decine di e-mail di offerte commerciali ogni giorno, anche da fornitori con cui abbiamo, o abbiamo avuto in passato, un rapporto di acquisto.

Queste e-mail non le leggiamo più, normalmente le cestiniamo e spesso ci cancelliamo da una mailing list perché ne riceviamo troppe.

Un’azienda che possiede un blog aziendale può sfruttare l’invio di Newsletter per diffondere contenuti informativi utili e di qualità.

Attraverso l’email marketing puoi rimanere in contatto costantemente con tutti i tuoi clienti creando un rapporto ed una fidelizzazione che non puoi raggiungere con e-mail piene di offerte commerciali.


2) Sfrutta i Social Network per pubblicizzare i post del Blog:

Un altro strumento GRATUITO che ti permette di promuovere il tuo blog e i post che scrivi, sono i Social Network.

Vediamo COME sfruttarli al meglio:

Facebook: Pagina aziendale, profilo personale LAVORATIVO e condivisione sui GRUPPI

Facebook è uno strumento POTENTISSIMO di promozione per il tuo blog.

Quello che si deve fare è:

  • Creare una pagina aziendale, all’interno della quale pubblicare i contenuti del tuo blog,
  • Creare un profilo personale LAVORATIVO: perché invitare a “mettere mi piace” sulla tua pagina i tuoi amici su Facebook NON FUNZIONA, per diversi motivi. Quello che devi fare è creare un profilo personale LAVORATIVO, diverso da quello personale in cui pubblichi le foto dei figlidelle vacanze e delle cene con gli amici del week end.  Dal profilo “lavorativo” devi richiedere le amicizie ai clienti e potenziali clienti con i quali entri in contatto giorno dopo giorno e condividere sul tuo profilo personale i post che pubblichi sulla pagina aziendale.

Se pensi che sia facile e che con un semplice click di colpo avrai migliaia di amici ti dico subito di non illuderti, perché la risposta è NO.

Però posso dirti che funziona.

  • Condividi nei gruppi di Facebook: questo è un “suggerimento” davvero molto EFFICACE e che in pochi mettono in pratica. Su Facebook esistono molti gruppi che parlano dei più svariati argomenti e che spesso hanno MIGLIAIA di iscritti. Quello che devi fare è cercare gruppi che parlino di argomenti inerenti alla tua attività, iscriverti e condividere al loro interno i post che scrivi nel blog, ottenendo così visibilità con tutti gli iscritti al gruppo in questione. Questa attività può essere ripetuta numerose volte raggiungendo migliaia di potenziali lettori.

Mi raccomando PRIMA di iscriverti ed iniziare a condividere i tuoi post in un gruppo leggi nella descrizione del gruppo che questa attività SIA PERMESSA.

usare linkedin

Linkedin è il social network “lavorativo”, nato per l’utilizzo in ambito “professionale”.

La possibilità che offre Linkedin è quella di pubblicare articoli nella sua piattaforma di blogging. La cosa interessante di Linkedin è che ad ogni post pubblicato, tutti i tuoi collegamenti ricevono una notifica dell’avvenuta pubblicazione, e quindi vengono avvisati immediatamente.

La prima cosa da fare dopo avere creato il proprio profilo Linkedin è dedicare del tempo a richiedere il “collegamento” (equivale alla richiesta di amicizia di facebook) ai tuoi clienti e potenziali clienti che trovi su questo social network e poi pubblicare ogni articolo del Blog.

Google+: creare il profilo e condividi i post

Google+ è l’ultimo dei Social che ti consiglio di utilizzare.

In realtà fino ad oggi, è stato un discreto fallimento rispetto agli altri, ma è di Google ovvero il player più importante e sul web. Quindi meglio avere una presenza anche quì.

Il grande vantaggio di Google + è che è collegato a tutto il modo Google, compreso il motore di ricerca.

Nelle pagine dei risultati  (SERP) generate su Google, se un tuo collegamento Google+ ricerca una parola chiave contenuta in un post che hai condiviso sul tuo profilo, nei risultati di ricerca lo vedrà apparire in PRIMA PAGINA, anche se in realtà non è posizionato in prima pagina per tutti gli altri: ai suoi occhi acquisterai autorevolezza.


3) Creazione Ebook e Lead Generation

Un altro “suggerimento” per sfruttare al meglio il tuo blog consiste nella creazione di una pagina contenente contenuti accessibili solo tramite la registrazione.

La registrazione consiste nella fornitura della propria e-mail e l’accettazione alla iscrizione alla mailing-list del blog.

Una risorsa gratuita può essere un qualsiasi contenuti scaricabile, come un  ebook gratuito che può essere realizzato in breve tempo e con poco lavoro utilizzando una collezione degli articoli più riusciti del blog.

Troverai molti blog che utilizzano questo meccanismo per arricchire la lista dei propri lettori.

Una risorsa gratuita, come l’ebook,  serve a fare Lead Generation: questo vuol dire che “forniamo informazioni utili gratuite” in cambio della e-mail, creando una connessione con i potenziali clienti che lo scaricano, e accettano di ricevere la newsletter collegata al blog.


4) Fare “video post” su Youtube

Il quarto ed ultimo “suggerimento” riguarda l’utilizzo di Youtube.

Se gestisci un blog aziendale, per ogni articolo che scrivi puoi creare un video da pubblicare su Youtube, tramite una webcam e qualche minuto di lavoro.

Il vantaggio di questa operazione può essere ENORME

YouTube ha oltre un miliardo di utenti, quasi un terzo di tutti gli utenti su Internet, e ogni giorno le persone guardano centinaia di milioni di ore di video su YouTube e generano miliardi di visualizzazioni (per una conoscenza più approfondita dei risultati ottenuti da YouTube ti lascio questo link).

Fare il video dei post e pubblicarli su Youtube quindi ti permette di avere visibilità anche su questa piattaforma ed intercettare traffico di utenti interessati al tuo prodotto e/o servizio su questa fonte.

E poi c’è un altro fattore MOLTO IMPORTANTE: nei settori di economia tradizionale in cui probabilmente opera la tua azienda, i tuoi concorrenti NON hanno una presenza su Youtube, o almeno saranno sicuramente molti pochi.

Questo significa che sono altissime le probabilità che si possa trarre MOLTO vantaggio e MOLTA visibilità dal tuo canale Youtube rispetto ai tuoi concorrenti.

Il tuo settore NON E’ differente

Bene, eccoci arrivati alla fine dell’articolo.

Prima di lasciarti voglio ricordarti una cosa: diversamente da quello che spesso pensi, i tuoi clienti non sono diversi dagli altri!

Ti dico questo perché la maggior parte delle persone è convinta di questa cosa e quindi reputa il blog aziendale inutile.

La realtà è che: NON ESISTONO “SETTORI DIFFERENTI”.

Spesso immaginiamo che i nostri clienti siano differenti perché li riteniamo “particolari”, mentre in realtà tutti hanno uno smartphone e navigano internet o usano i social e la banale posta elettronica.



Vuoi creare un Blog aziendale e pensi di aver bisogno d’aiuto?

[Realizza con noi il tuo Blog aziendale]

Se stai cercando qualcuno a cui rivolgerti per avere supporto tecnico e CONSULENZA nella strategia di blogging, noi possiamo aiutarti. SCRIVICI QUI e ti consiglieremo cosa fare nella tua situazione.


Vuoi continuare a ricevere

CONSIGLI UTILI

dai nostri esperti?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER